Sezione Interregionaledelle Tre Venezie

In questa newsletter troverete: Un anno di applicazione del FUSP: come va? Incontro a Pergine / Quanto vale lo spettacolo per il territorio? / Veneto Film Commission la Regione nomina il cda; Bacialli è il presidente / I martedì al cinema a 3 euro / CONNESSIONI, l’agenda degli incontri associativi con le istituzioni e altri soggetti

 

Cari associati,

a partire dalla fine di agosto è ripresa a pieno regime l'attività associativa che ci ha visti impegnati in tutti i territori della nostra Unione. In Provincia di Bolzano dove abbiamo rappresentato la necessità di inserire le attività di Spettacolo all'interno della programmazione dei Fondi strutturali europei del prossimo settennato, a Trento, dove stiamo organizzando un Seminario ed abbiamo riaperto un confronto con la Provincia sulla Legge, sul Bando Next e sul Bilancio 2020, in Veneto dove abbiamo avuto numerosi incontri di cui più sotto troverete i riferimenti ed i contenuti ed anche in Fvg dove abbiamo riunito i soci e gettato le basi per il lavoro che ci attende.

Le sfide che ci attendono sono molte; c'è una norma nazionale da modificare e riscrivere, ci sono le norme ed i provvedimenti attuativi della Legge sulla Cultura del Veneto, c'è la Nuova Film Commission del Veneto con cui condividere progetti, ci sono nuovi regolamenti in FVG e Trentino da testare, verificare.

Tutto ciò con un costante interlocuzione con Dirigenti ed Assessori.

Non mancano riunioni ed impegni che ci vedono protagonisti anche a livello nazionale.

Uno spettacolo (dal vivo e riprodotto) sempre protagonista per la crescita delle nostre comunità

 

Un anno di applicazione del FUSP: quali gli esiti? – Il 25 ottobre 2019 alle ore 16 nel Foyer del Teatro Comunale di Pergine Valsugana si svolgerà un incontro tra gli operatori dello Spettacolo del Trentino per raccogliere e condividere, assieme alla Direzione Cultura della Provincia autonoma di Trento, le riflessioni sul primo anno di applicazione delle norme che hanno introdotto il FUSP (Fondo Unico dello Spettacolo Provinciale). Il seminario sarà anche l’occasione per dare spazio ad un focus di approfondimento sul tema della Distribuzione dello spettacolo dal vivo (territoriale e nazionale) delle produzioni. A riflettere sul tema interverranno Claudio Martinelli (Provincia autonoma di Trento, Dirigente Servizio Attività Culturali), Loreta Failoni (Associazione per il Coordinamento Teatrale Trentino, Presidente), Renato Manzoni, ERT (Ente Regionale Teatrale di Udine, Direttore), Walter Zambaldi (Teatro Stabile di Bolzano, Direttore). È stato invitato l’Assessore alla Cultura Mirko Bisesti.  A seguire, alle ore 20,45, sarà presentato lo spettacolo “Il Campione del Mondo”, prima nazionale, vincitore del Bando Provincia autonoma di Trento e Fondazione CARITRO.

 

Quanto vale lo spettacolo per il territorio? - 4,7 miliardi di euro di valore aggiunto per il territorio generato da 4 best practice italiane del cinema e del teatro, e 160 milioni di euro da 5 grandi festival nazionali. Le spese aggiuntive legate alla fruizione di uno spettacolo al teatro o cinema sono in media di 53 euro, tra bar ristoranti, shopping e altre spese. Per i festival la spesa pro capite oscilla tra 65 e 200 euro. Ecco quanto vale l’indotto di cinema e teatro. Non solo spesa al botteghino, ma shopping, trasporti e pasti fuori triplicano la spesa culturale di base: ogni euro in biglietti di ingresso genera 2 euro di spese extra.

Sono alcuni degli elementi più interessanti

Continua a leggere qui

emersi nel corso di un recente convegno svoltosi alla Camera di Commercio di Milano nel corso del quale è stata presentata la ricerca “Misurazione dell’impatto socioeconomico che le sale cinematografiche e gli eventi culturali producono nell’economia dei territori”, condotta dall’Istituto Makno su stimolo di dell’AGIS, di Impresa Cultura Italia – Confcommercio, dell’Università IULM di Milano e della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi. Numerosi gli interventi a complemento della ricerca; tra questi i principali referenti dell’analisi: Carlo Sangalli (Presidente Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Presidente Confcommercio), Carlo Fontana (Presidente AGIS e Presidente IMPRESA CULTURA ITALIA), Gianni Canova (Rettore Università IULM), Mario Abis (Docente di Statistica, ricerche sociali e di mercato Università IULM), Filippo Fonsatti (Presidente FEDERVIVO), Mario Lorini (Presidente ANEC), Lionello Cerri (Amministratore Delegato ANTEO SPA), Andrea Cancellato (Presidente FEDERCULTURE) e Valerio Toniolo(Direttore IMPRESA CULTURA ITALIA)

 

Quali opportunità con i nuovi bandi POR del Veneto?

Gli esiti dell’ultimo bando POR dedicato alle imprese culturali e creative e le linee di sviluppo dei nuovi bandi sono stati i principali argomenti di un tavolo di confronto a cui hanno partecipato Oss Noser, Sartore e Nalon (per Unione Trevenezie) e Cristiano Corazzari, Santo Romano, Maria Teresa De Gregorio, Decimo Poloniato (Per Regione Veneto) e Paolo Rosso (direttore Avepa). Sono state delineate delle nuove linee di interventi che saranno discussi nel prossimo Tavolo dello Spettacolo. A questo proposito Oss Noser ha proposto al Consiglio di Presidenza Nazionale Agis che la Presidenza si faccia parte attiva alfine che l’associazione stessa sieda al tavolo del MISE che sta trattando la formazione del PON (Piano Operativo Nazionale) da cui discendono poi i POR FSER regionali. La proposta è stata accetta e Oss Noser siede al tavolo nazionale assieme al Direttore Agis nazionale Domenico Barbuto

 

Veneto Film Commission la Regione nomina il cda; Bacialli è il presidente. Ora la scelta del Direttore.

Il giornalista Luigi Bacialli è stato nominato presidente della Veneto Film Commission, la fondazione istituita poco più di un anno fa con il compito di attrarre e facilitare la produzione di opere cinematografiche, televisive e audiovisive nel territorio regionale. Il Cda è stato presentato in una presentazione durante la Mostra del Cinema di Venezia dall’assessore regionale alla cultura, Cristiano Corazzari. Il board è composto anche

Continua a leggere qui

dal consulente editoriale Giacomo Brunoro, dalla responsabile di Rai Movie Cecilia Valmarana, dall’imprenditore Vittorio Dalle Ore e dalla ricercatrice dell’Università di Padova Giulia Lavarone; revisore dei conti è Massimo Venturato. La Film Commissione sarà sostenuta dalla Regione e negli intenti statutari aperta alla partecipazione di camere di commercio, imprenditori privati e istituzioni locali. Da parte sua il CDA dovrà individuare le azioni per promuovere il patrimonio storico e paesaggistico, le risorse professionali e le imprese del Veneto che operano nel settore del cinema e dell’audiovisivo e assicurare accoglienza e supporto gratuito alle produzioni italiane e estere. Tra queste, determinante, sarà la scelta di un Direttore capace di trasformare le idee in azioni concrete per il settore. Con la speranza che d’ora in pii si crei un vero sistema cinema comprendente tutti i soggetti (autori, esercizio, distribuzione, produzione)che partecipano alla crescita di questo settore imprenditoriale culturale

 

A novembre 2019 torna in Veneto il grande cinema a 3 euro - Mentre è ancora in corso la ultradecennale iniziativa “Le Giornate della Mostra” (in programma nelle sale Fice di tutto il territorio triveneto) che porta in sala i migliori film della Settimana della Critica della Mostra del Cinema di Venezia, già si sta lavorando per una nuova edizione di "La Regione del Veneto per il cinema di qualità - La Regione ti porta al cinema con tre euro - I martedì al cinema". Il pluriennale progetto che raccoglie sempre grande successo è organizzato dalla Federazione Italiana Cinema d'Essai (FICE) delle Tre Venezie, l'Associazione Generale Italiana dello Spettacolo (AGIS) delle Tre Venezie e si volge in tutte le sale aderenti del Veneto.

Continua a leggere qui

“Progetti di qualità come quello de "I martedì al cinema" - dichiara Cristiano Corazzari, Assessore alla Cultura Regione del Veneto - aggiungono valore alle professionalità del cinema, alle sale e località che ospitano le proiezioni oltre al fatto che questa è diventata un'iniziativa che il pubblico ha imparato a conoscere ed apprezzare. Un impegno che, anno dopo anno, si rinnova e i risultati sino ad oggi raggiunti, ci confermano una crescita costante e diffusa su tutto il territorio. Un progetto che ha fra i suoi obiettivi la promozione della cultura cinematografica e del cinema d'autore e la valorizzazione delle sale d'essai del Veneto, e che si inserisce in un quadro più generale di azioni regionali a sostegno e a favore del cinema, dell'audiovisivo, dell'esercizio cinematografico e dello spettacolo più in generale. Un modo concreto per favorire la visione di opere di qualità e creare, soprattutto nei giovani, l'abitudine ad andare al cinema durante tutta la settimana”. Tutti i martedì dei mesi di marzo, maggio e novembre sarà possibile godere del piacere di andare al cinema con la visione di opere d'autore, spesso alternative ai grandi circuiti commerciali, che verranno proiettate al costo ridotto di tre euro nelle sale aderenti. “Progetti quali i martedì al Cinema a tre euro si inseriscono in una più generale volontà della FICE di attivare e fortificare percorsi di educazione all'immagine filmica e di creazione di nuovo pubblico - dichiara Filippo Nalon, FICE delle Tre Venezie - Parallelamente si consolida il ruolo della sala cinematografica come luogo di elezione anche dal punto di vista sociale e aggregativo.”

 

CONNESSIONI, l’Agenda del Presidente Oss Noser e dell’Unione Triveneta

VENEZIA - Incontro con il Direttore Biennale Cinema Del Mercato – A fine luglio incontro con Del Mercato e la dirigente cultura della Regione Veneto De Gregorio con lo scopo di gettare la basi per ampliare il progetto “Le Giornate della Mostra” con film provenienti dalle altre sezioni della Mostra del Cinema di Venezia. Inoltre si sono avviate le riflessioni per attivare azioni capaci di favorire la collaborazione tra Biennale Teatro e Musica con le imprese associate all’Unione. Del Mercato ha mostra ampia disponibilità ad avviare questi programmi con altri incontri previsti nei prossimi mesi

BOLZANO - Incontro con il dirigente Claudio Andolfo per bandi POR – Inserire le imprese dello spettacolo nelle priorità dei POR 2020-2027 della Provincia di Bolzano; questo l’argomento principale dell’incontro che il segretario Agis Sartore ha avuto con il dirigente cultura ripartizione italiana Claudio Andolfo. Alla riunione hanno partecipato anche i dirigenti della ripartizione Europa

PADOVA – FUS: Gruppo di lavoro Unione Interregionale – Continuano le riflessioni e analisi normative del Gruppo di Lavoro che ha il compito di formulare proposte di modifica al decreto Fus e dei Decreti attuativi del “Codice dello spettacolo”. Il gruppo è composto dai delegati associativi Amabilino, Bevilacqua, Carrara, Cecchin, Filosi e Oss Noser ed è coordinato dal Segretario Sartore. Il Gruppo sarà poi integrato dai delegati della musica.

PERGINE – Formazione sulla sicurezza – Il Presidente Oss Noser ha incontrato il direttore del teatro di Pergine Denis Fontanari per organizzare un corso di formazione di sicurezza nei teatri per gli operatori del Trentino

MESTRE – Confronto con Confindustria Veneto – Con Italo Candoni, vicedirettore Confindustria Veneto, il Segretario Sartore e il delegato ai bandi europei Nalon hanno analizzato le caratteristiche identitarie con le quali le imprese di spettacolo possono essere inserite in settori di priorità dei prossimi percorsi e bandi europei. Di seguito la scheda di analisi sarà presentata da Agis nazionale nello specifico tavolo di coordinamento del MISE

TRIESTE – I regolamenti per la legge dello spettacolo – Con l’Assessore alla Cultura Tiziana Gibelli, Oss Noser ha iniziato a riflettere sulle modifiche da apportare ai regolamenti che sono previsto per la legge dello spettacolo della regione Friuli Venezia Giulia

VENEZIA – La nuova legge dello spettacolo – D’intesa con la dirigente cultura De Gregorio, Oss Noser ha definito la creazione di un Tavolo interassociativo e regionale per discutere e realizzare il decreto attuativo della legge della cultura della Regione Veneto

TRENTO – Le nuove azioni per lo spettacolo – Il prossimo bando Next, la formazione sulla sicurezza e il bilancio cultura 2020 sono stati gli argomenti che il dirigente cultura Martinelli ha discusso con Oss Noser

VENEZIA –  In Consiglio regionale Veneto - In rappresentanza dell’Unione Triveneta, Oss Noser e Sartore hanno avuto audizione in Consiglio regionale Veneto per presentare le osservazioni associative sul bilancio cultura della Regione Veneto

TRIESTE – Gli associati incontrano il Presidente - Oss Noser e il Segretario Sartore hanno incontrato i soci del Friulì Venezia Giulia in una assemblea periodica. Durante l’incontro sono state discusse le normative nazionali e regionali sullo spettacolo

MANTOVA E ROMA – Le questioni dell’Agis Nazionale – Prima a Mantova e poi a Roma Oss Noser, quale delegato nazionale, ha riunito il gruppo di lavoro nazionale sulla riforma delle Unioni Regionali Agis. Vista la profondità delle riflessioni , il lavoro è stato suddiviso in due parti

VENEZIA – Le questioni sul Tavolo Regione Veneto/Agis – Il 4 novembre è stata convocata una nuova riunione del Tavolo Regionale dello Spettacolo, a cui partecipano l’assessore regionale alla cultura Corazzari con il suo staff e il presidente Oss Noser con i delegati di settore. Nel corso della riunione saranno affrontati i temi all’ordine del giorno: posizione definitiva della Regione sul sito Web www.spettacoloveneto.it, bilancio regionale 2020, ultimo assestamento di Bilancio, provvedimenti attuativi Legge Cultura. Bandi Por