Sezione Interregionaledelle Tre Venezie

Schede dei film

Elenco schede film

Cena con delitto

Regia: Rian Johnson

INTERPRETI: Daniel Craig, Chris Evans, Ana de Armas, Jamie Lee Curtis, Toni Collette, Don Johnson, Michael Shannon, Lakeith Stanfield, Katherine Langford, Noah Segan, Edi Patterson, Riki Lindhome, Christopher Plummer

SCENEGGIATURA: Rian Johnson

FOTOGRAFIA: Steve Yedlin

MONTAGGIO: Bob Ducsay

MUSICHE: Nathan Johnson

DISTRIBUZIONE: 01 Distribution

NAZIONALITÀ: USA, 2019

DURATA: 130 min.

 

CENA CON DELITTO, il film diretto da RianJohnson, è un crime in stile Agatha Christie, nel quale al sagace investigatore Benoit Blanc deve scoprire chi ha ucciso il romanziere 85enne Harlan Thrombey, rinvenuto senza vita nella sua abitazione in circostanze non chiare, dopo una festa per il suo compleanno. Il brillante detective è sicuro che l'uomo sia stato ucciso e inizia a indagare su chi possa essere l'omicida., per Blanc infatti chiunque può essere il colpevole. Sia i familiari che la servitù avrebbero avuto un movente per sbarazzarsi di Harlan, quindi tutti sono sospettati.L'imminente lettura del testamento fa emergere i conflitti familiari, nonché l'avidità e la brama dei parenti dello scrittore. Quella di Harlan è unafamiglia in cui l'ostilità, provocata per lo più da generazioni diverse e mentalità opposte, la fa da padrone; una costruzione in bilico, nella quale è venuto a mancare il pilastro principale, Harlan stesso.Quando l'investigatore interroga Marta, l'aitante infermiera sudamericana del deceduto Thrombey, le fondamenta di quest'edificio cedono definitivamente. I segreti della famiglia e della servitù iniziano a essere svelati, portando a galla un humus di bugie che permetteranno a Blanc di scoprire la verità dietro la morte del romanziere.C'era una volta il whodunit, quel genere -letterario prima, e cinematografico poi –in cui un delitto viene compiuto proprio in mezzo a una variegata compagnia di gente, osservata e interrogata da un eccentrico e geniale detective privato, che mette insieme i pezzi dell'intricato puzzle fino arisolvere il mistero. C'erano una volta quei film ambientati in un secolo passato, tra colonnelli e nobildonne, avventurieri e cameriere a bordo di un treno o in crociera sul Nilo, nati dalle pagine di Agatha Christie, gli stessi che Kenneth Branagh ripropone pari pari nei suoi remake. Ad un regista innovatore e fantasioso come Rian Johnson non interessa che i suoi protagonisti siano figure del passato, ma prende un genere che conosce benissimo e che ama, rispettandone tutti gli stilemi e inserendo tutti gli elementi e le citazioni giuste (e in questo si potrebbe dire che non inventa niente), ambientando la storia nell'America di oggi, in una chiara ma sottile e mai smaccata satira del mondo in cui viviamo.Ne esce a parer nostro un'operazione di gran pregio e divertimento, molto simile a quella che Jordan Peele ha fatto con un altro genere, l'horror, in Scappa –Get Out. Inutile girarci intorno: CENA CON DELITTO –KNIVES OUTè un'autentica delizia, sia per chi ama e conosce i classici gialli deduttivi e liritrova citati con grande affetto nel film, sia per chi apprezza il commento sociale attuato con grande eleganza attraverso la decostruzione del genere (e qui viene in mente anche Screamdi Wes Craven) effettuata dall'autore (di cui vi consigliamo caldamente di recuperare Brick, The Brothers Bloome Looper). Vedendo il film si capisce quanto si siano divertiti gli attori nel farlo. Anche se è un luogo comune parlare del set come di una grande famiglia, dove tutti sono amici, in questo caso traspare sullo schermo l'entusiasmo dei protagonisti nell'interpretare personaggi ben caratterizzati e attuali in una sceneggiatura a orologeria, dove l'unica libertà di improvvisazione concessa stava nell'uso delle parolacce durante la spassosa scena della lettura del testamento.Agli interpreti uscire dalla loro comfort zone dà il lusso di giocare con altre corde, normalmente non utilizzate. Difficile in tal senso fare una classifica dei più bravi, perché ognuno di loro, per quanto limitato possa essere il loro ruolo inun film perfettamente corale, dà veramente il meglio di sé. Se c'è un protagonista, nel film, non è nemmeno il Benoit Blanc dallo strascicato accento del Sud interpretato da un carismatico Daniel Craig, ma il conflitto di classe e razziale che alla fine, come vedremo, ha una risoluzione beffarda. Ana de Armas, l'infermiera del patriarca di cui nessuno sa il paese di provenienza (in fondo gli immigrati non sono tutti uguali? A distinguerli è il loro non essere Americani, o italiani) che ritroveremo al fianco di Craig in No Time to Die, buca letteralmente lo schermo. Jamie Lee Curtis, Chris Evans e Don Johnson sono una fantastica famiglia disfunzionale all'interno