Sezione Interregionaledelle Tre Venezie

Schede dei film

Elenco schede film

I giganti

Regia: Bonifacio Angius

INTERPRETI: Bonifacio Angius, Stefano Deffenu, Michele Manca, Riccardo Bombagi, Stefano Manco, Roberta Passaghe, Mila Angius

SCENEGGIATURA: Bonifacio Angius, Stefano Deffenu

FOTOGRAFIA: Bonifacio Angius

MONTAGGIO: Bonifacio Angius

DISTRIBUZIONE: Il Monello Film

NAZIONALITÀ: Italia, 2021

DURATA: 80 min.

Presentato in anteprima al Festival di Locarno 2021

Per il suo quarto lungometraggio, Bonifacio Angius ha ammesso di essersi ispirato al western. Un western sardo decisamente atipico in cui si parla di "speed", "lockdown" e "gente conosciuta online". Tante le commistioni in un'opera dolorosa, che oscilla tra omaggio a una certa tradizione cinematografica e stringente contemporaneità, come evidenzia la nostra recensione de I giganti. Ma chi sono i giganti del titolo? Sono cinque uomini, anzi, quattro uomini e un ragazzo, troppo piccoli e meschini per superare con dignità un momento di crisi personale e globale.

I GIGANTI arriva qualche mese dopo la conquista dell'Oscar da parte del danese Un altro giro. Anche lì avevamo un gruppo di amici, tutti di mezza età, che decidono di usare l'alcool come mezzo per migliorare le loro esistenze. I personaggi de I GIGANTI - interpretati da Stefano Deffenu, Michele e Stefano Manca, Riccardo Bombagi e dallo stesso Bonifacio Angius - non ci provano neppure a puntare a una vita migliore e affogano il dolore nel consumo massiccio di droghe e alcool assecondando pulsioni nichiliste e autodistruttive. L'azione si rarefà. Tutto ruota attorno a quattro amici che si rivedono dopo un lungo periodo di tempo (il lockdown istituito per arginare la pandemia) e si ritrovano nella grande casa dei genitori di Stefanì (Stefano Deffenu, già protagonista di Perfidia). Uno di loro (Stefano Manca), che ha il compito di procurare le droghe, porta con sé il fratello minore, elemento perturbante che pian piano si trasformerà nella coscienza critica del gruppo. Mentre il tempo passa, i cinque amici sprofondano nelle loro ossessioni fino a che la violenza non esplode improvvisa.

I GIGANTI è figlio della situazione vissuta nel 2020 che, pur non essendo mai citata apertamente, viene suggerita da certi dialoghi ("Ho conosciuto tanta gente. Gente colta, importante..." E dove?" "Online"). La poetica sanguigna di Bonifacio Angius universalizza il dolore della privazione della libertà, della solitudine e dell'abbandono trasformando il microcosmo in cui si ritrovano i cinque amici in una sorta di auto-lockdown volontario. La grande casa semibuia in cui si svolge la quasi totalità dell'azione si materializza come una prigione che si chiude intorno al gruppo. Le uniche sortite all'esterno si verificano per osservare il passaggio di una fantomatica Cometa del Cigno, che quasi nessuno riesce a vedere, per urlare insulti all'indirizzo di una processione religiosa attraverso le persiane, aperte per l'occasione. Nella visione pessimistica di Bonifacio Angius, la salvezza non passa né dalla religione organizzata né da una generica spiritualità ecologista.

I GIGANTI è un film calato in un contesto realistico curato fin nel minimo dettaglio. La casa di Stefanì viene fotografata con cura dallo sguardo acuto del regista. Tutto contribuisce all'atmosfera di degrado interiore ed esteriore, dalle poltrone polverose che sembrano appartenente a un'altra epoca al rubinetto della vasca ricoperto di ruggine. Paradossalmente, questa attenzione maniacale contribuisce ad alimentare l'atmosfera surreale che circonda il film. I gesti, i toni, la fotografia polverosa e chiaroscurale, le canzoni demodé, le reazioni dei personaggi, la voice over strascicata di Stefano Deffenu che apre e chiude il film inquadrandolo in uno spazio e un tempo diversi da quelli dell'azione, tutto sembra suggerire un'apertura verso una dimensione altra che non è il qui e l'ora del post-lockdown. I cinque amici sembrano prigionieri di mondo sospeso, un purgatorio in cui ciascuno di loro è chiamato a rispondere dei propri peccati anche se all'orizzonte non c'è alcuna possibilità di redenzione. Film di atmosfere, ma anche di attori, I GIGANTI è tutto giocato sulla (non) interazione tra i personaggi. I protagonisti del film si parlano, ammiccano a un passato comune o si vomitano addosso insulti, ma ognuno sembra parlare soprattutto a se stesso. Merito dell'atmosfera straniata creata dalla regia claustrofobica di Bonifacio Angius. I richiami al western - le inquadrature strette sugli sguardi, le canzoni spagnole che sembrano appartenere a un'altra epoca (frutto della collaborazione tra il regista e il compositore Luigi Frassetto), le "donne da saloon", gli scoppi improvvisi di violenza - ammiccano allo spettatore. Tragedia sì, ma cinefila. Sfruttando il suo physique du rôle, Bonifacio Angius si ritaglia il ruolo del pistolero feroce dal passato doloroso suggerito dai frequenti flashback che vedono coinvolte la compagna del regista Francesca Niedda e la loro figlia Mila. Pur negando la presenza di una componente autobiografica stringente, anche gli altri personaggi de I GIGANTI sembrano esasperare caratteristiche che gli appartengono nella vita reale. Così Stefano Deffenu enfatizza l'aria catatonica e la natura taciturna, mentre Michele Manca alterna spacconeria e nevrosi. Bonifacio Angius plasma i suoi attori lasciando loro la libertà di esprimere dolore, rabbia, disagio con grande naturalezza grazie anche alla situazione libera e protetta in cui il film è stato girato. Sentimenti "scomodi", soprattutto se associati al vissuto recente in una fase in cui la stragrande maggioranza delle opere post-lockdown affronta il tema in chiave comica. Bonifacio Angius ha già ampiamente dimostrato nei lavori precedenti che il coraggio di dire verità scomode, mettendo il dito nella piaga, non gli manca di certo. Concetto ribadito ne I GIGANTI, dove per altro Angius rivela un incredibile eclettismo scrivendo, dirigendo, recitando, producendo oltre a firmare fotografia, montaggio e improvvisandosi perfino paroliere. Anche se i toni pessimistici hanno il sopravvento in più occasioni, il regista non rinuncia alla sua ironia amara che trapela da certi dialoghi surreali. Tutto è in bilico ne I GIGANTI, storie, personaggi, stile, suggestioni, ma il film è l'ennesima conferma che il rischio è la condizione in cui Bonifacio Angius riesce a dare il meglio di sé.

(https://movieplayer.it)

Siamo come nani, seduti sulle spalle dei giganti per vedere più lontano, fino a scordare un futuro. I giganti sono creature con un passato gravoso, spettri segnati dalla nostalgia e il rimpianto nel nuovo film di Bonifacio Angius. Ma il loro è un ruolo irrinunciabile, ci permettono con il loro sacrificio di perseverare e concederci anche un momento di serenità.

Sono marginali, gli amici che si ritrovano in una casa su due piani in mezzo al niente, nell’entroterra. Se per Boccaccio era stata la terribile epidemia di peste del Trecento in Europa a portarlo a rinchiudere un gruppo di giovani per “raccontare” il Decameron, per alleviare la sofferenza e la desolazione della Firenze dell’epoca, qui c'è la pandemia, una piaga onnipresente, un velo cupo di aria malsana, sempre presente anche se mai direttamente evocata.

Un ritrovo di fragilità che diventa una montagna russa emotiva, fra ricordi, racconti, risate, litigate. Il film è un carosello di generi della commedia umana di chi si ferma un attimo prima di varcare la porta d’uscita dalla vita, con una rabbia non sopita che li pervade, che non sempre riescono a tenere a bada. Il tempo rimane fuori, all’interno tutto è sospeso e ormai rimpianto. I giganti invidiano la giovinezza dei nani, anche perché la loro esperienza che potrebbe permettergli di guardare più lontano sembra solo funzionare all’indietro. Invece che spingerli oltre con lo sguardo, finiscono per insistere nel voltarsi verso un passato sempre più remoto. Alimentando in questo modo la loro sofferenza.

C’è molto sentimento e poca ragione, fra le anime dannate del film di Angius, che realizza con I giganti il suo miglior film, torrenziale e inafferrabile, privo di un equilibrio normalizzatore che i suoi protagonisti ormai non inseguono neanche più. È tutto fuori asse, all’interno di quella casa, i pianeti non si allineano più e proprio come un orologio rotto che segna l’ora giusta almeno una volta al giorno, cercano di godersi una buona (ultima) volta quella illusoria serenità che potrebbe perfino rappresentare un idillio. Difficile non identificarsi in questa masnada variamente assortita di disgraziati con un cuore grande così. Sono amici, fratelli e nemici che alzano la voce, il gomito e una pista di coca, ma fanno parte della nostra vita, addirittura siamo noi visti allo specchio.

La casa viene in soccorso al regista nel suggerire una stratificazione di vissuti. Pareti ingiallite, mobili provenienti da mondi ed epoche diverse. I giganti è anche un film di volti, mappa epidermica di mille fallimenti illuminata da occhi ancora vivaci. C’è Bonifacio Angius stesso, che si mette in gioco in prima persona come attore; unica vicenda, la sua, che ci porta a materializzare il peso del passato con alcuni flashback che suggeriscono la sofferenza di un duplice amore in gioco, quello per una donna e per un figlio. Ci sono poi Stefano Deffenu, il nostro preferito, oltre a Riccardo Bombagi, Michele e Stefano Manca. L’umorismo è caustico, le risate enfisemiche, sguaiate o pervase da un’ironia quasi auto derisoria, e come tale liberatoria. Una cometa di autolesionisti in pausa, personaggi presi a pugni dalla vita, fra errori, remissioni, scelte sbagliate o subite. Eppure sono ancora lì, insieme. I giganti, evasi dalle pagine di Bukowski e dall'immaginario di Cassavetes, si insinuano nella nostra memoria, rigorosi militanti di una vita esposta in prima linea, senza “andare a letto presto”. Compagni di viaggio che suscitano interrogativi e di certo non ci lasciano indifferenti.

(www.comingsoon.it)